venerdì 15 giugno 2012

Tranquilli, verremo REDENTI....da Goldman Sachs!

Ormai e' un delirio di onnipotenza divina. Hanno addirittura teorizzato, per ora, la "redenzione". Purtroppo, o per fortuna, non si tratta del significato religioso che credo ognuno di noi affiencherebbe al termine, bensi di un nuovo DIABOLICO sistema per attingere alla ricchezza dei cittadini di tutta Europa. Infatti, col termine redemption s'intende il rimborso o l'estinzione di un debito.



L'allegra brigata, che coordino' la festa a bordo del Britannia, della quale fanno parte  Prodi, Draghi, Monti, Letta, Tononi (per citare alcuni "illustri" italici) ha messo a punto finalmente il piano con il quale impadronirsi definitivamente della ricchezza italiana.




Il mezzo si chiama ERF (European Redemption Fund) ed ha, per dirla in parole semplici, lo stesso sistema di funzionamento di una societa' di riscossione debiti; la differenza sostanziale e' che la natura e' la stessa di uno strozzino che da una parte presta denaro a tassi insostenibili e dall'altra usa la legge per recuperare il presunto credito. Come? Semplice. L'obiettivo e' quello gia' descritto da Prodi di creare un fondo "salva banche" (questi parlano sempre e solo di salvare se stessi...) che dreni ricchezza dagli Stati debitori verso un fondo ultranazionale dando a garanzia azioni di societa' pubbliche (o partecipate) o, indovinate, RISERVE AUREE!



Piu' nel dettaglio, la mission apparente e' quella di ridurre il debito pubblico fino ad un livello, considerato sinonimo di salute finanziara, pari o inferiore al 60% del PIL. Gia' dalla premessa potremmo rispondere a tutti lor signori che la cosa puzza di marcio. Chi ha mai provato che uno Stato che ha gli strumenti di rifinanziamento autonomo del debito (leggasi SOVRANITA' MONETARIA) non possa distribuire ricchezza e benessere per i propri cittadini in presenza di un rapporto debito/PIL superiore al 60% (USA, Giappone, UK, Islanda, Singapore, Germania...)? Proclami a parte, e' evidente che si tratta di un target di copertura del vero scopo dell'operazione: il pignoramento della nostra ricchezza che fa paura ancora a molti. Fino quando avremo una base di solidita' forte (e l'Italia gode di un patrimonio ancora enorme), l'oligarchia bancaria avra' buona ragione di temere una reazione DEMOCRATICA nella nostra nazione.

L'ERF subordinerebbe i CREDITI DELLO STATO (al pari di un qualsiasi debitore) fino a poterne prelevare direttamente una quota per un periodo di ammortamento del debito di 20 anni (sul periodo d'ammortamento non ho trovato conferme) fino quando non si raggiunga il 60%. Quali sono i crediti dello Stato? Le nostre tasse!!! Cio' non bastasse, lo Stato debitore dovra' garantire quota del proprio debito con le riserve auree che, nel caso in cui il piano d'ammortamento non fosse rispettato, potrebbe essere pignorate (di tanto si tratta!). In sintesi: lo Stato sara' costretto ad aumentare le tasse a fronte del prelievo forzato al fine di mantenere il baraccone degli aperitivi principeschi e tutto il carrozzone pubblico, i cittadini italiani si impoverirebbero fino al punto di non poter piu' sostenere il carico fiscale, conseguentemente le riserve auree del nostro Paese verrebbero espropriate (con ogni probabilita' non solo quelle).

Hanno fatto di tutto per indebitarci ulteriormente (dbt/pil Italia oltre 121%) al fine di imporre politiche fiscali assassine, regalano soldi alla Spagna chiedendoci altri 20mld di Euro che dovremo chiedere agli strozzini offrendo un tasso vicino al 7% (debito sul debito), stanno provando in tutti i modi a deliberare il MES (gia' firmato il 2 febbraio) che ci costera', per iniziare, 125mld di Euro. Monti ha dichiarato che e' gia' in corso uno studio per la svendita del patrimonio immobiliare (sembra imminente un decreto per varare le operazioni) dando seguito alle privatizzazioni, sorry, alle regalie gentilmente concesse negli anni '90 dalla Amato-Prodi & C.

Ora vogliono il nostro oro, l'Italia e' il quarto paese al Mondo per riserve auree, a quando il sangue? Ne abbiamo ca. 420.000.000 di litri...



Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti verranno pubblicati direttamente. La moderazione, che non significa censura, verra' adottata solo se indispensabile.
Pubblicando un commento, una risposta, un post dichiari d'aver letto, capito ed approvato il regolamento del blog http://freetaly.blogspot.com/p/regolamento.html